logo home

RISCOSSIONE – ORDINANZA n. 34445, DEPOSITATA il 16.11.2021 – Riscossione – Credito inesistente – Mancanza dei presupposti costitutivi e la cui esistenza non risulti riscontrabile dai controlli automatizzati e formali sugli elementi dichiarati dal contribuente

RISCOSSIONE – ORDINANZA n. 34445, DEPOSITATA il 16.11.2021

 Riscossione – Credito inesistente – Mancanza dei presupposti costitutivi e la cui esistenza non risulti riscontrabile dai controlli automatizzati e formali sugli elementi dichiarati dal contribuente

 La Corte di cassazione, sez.5, con ordinanza , ha così statuito: Il “nuovo” art. 13, comma 5, terzo periodo, del d.lgs. n. 471/1997, come appunto introdotto dall’art. 15 del d.lgs. n. 158/2015, si spinge a dettare la definizione normativa di credito “inesistente”, tale essendo il credito in relazione al quale manca, in tutto o in parte, il presupposto costitutivo e la cui inesistenza non sia riscontrabile mediante i controlli di cui agli artt. 36-bis e 36-ter del d.P.R. n. 600/1973 e all’art. 54-bis del d.P.R. n. 633/1972.

Al riguardo, può dunque affermarsi che il credito fiscale illegittimamente utilizzato dal contribuente può dirsi “inesistente” quando ne manca il presupposto costitutivo (ossia, quando la situazione giuridica creditoria non emerge dai dati contabili-patrimoniali-finanziari del contribuente) e quando tale mancanza sia evincibile dai controlli automatizzati o formali sugli elementi dichiarati dal contribuente stesso o in possesso dell’anagrafe tributaria, banca dati pubblica disciplinata dal d.P.R. n. 605 del 1973, su cui detti controlli anche si fondano.

 

 link alla sentenza

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi