logo home

IMPOSTE DIRETTE – IRPEF – CORTE DI CASSAZIONE – SEZIONE 5 – ORDINANZA n. 11050, DEPOSITATA il 27.4.2021 – IRPEF – Ritenuta d’imposta – Rimborso – Legittimazione del sostituto e del sostituito – Domanda di rimborso ai sensi dell’art. 9, comma 17, l. n. 289/2002 – Legittimato unicamente il soggetto passivo in senso sostanziale

IMPOSTE DIRETTE – IRPEF – CORTE DI CASSAZIONE – SEZIONE 5 – ORDINANZA n. 11050, DEPOSITATA il 27.4.2021

 

IRPEF – Ritenuta d’imposta – Rimborso – Legittimazione del sostituto e del sostituito – Domanda di rimborso ai sensi dell’art. 9, comma 17, l. n. 289/2002 – Legittimato unicamente il soggetto passivo in senso sostanziale

 

La Corte di cassazione, sez. 5, con ordinanza, ha così statuito: Per questa Corte (Cass., 29 luglio 2015, n. 16105; Cass., sez.un., 26 giugno 2009, n. 15032; Cass., sez. 6-5, 22 febbraio 2018, n. 4291), in tema di rimborso delle imposte sui redditi, ai sensi dell’art. 38 del d.P.R. n. 602 del 1973, sono legittimati a richiedere all’Amministrazione finanziaria il rimborso della somma non dovuta e ad impugnare l’eventuale rifiuto dinanzi al giudice tributario sia il soggetto che ha effettuato il versamento (cd. “sostituto d’imposta”), sia il percipiente delle somme assoggettate a ritenuta (cd. “sostituito”).

Si è, inoltre, affermato che, in materia di condono fiscale, ex art. 9, comma 17, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, che consente al contribuente di recuperare il 90 per cento di quanto dovuto e versato per imposte (con esclusione dell’I.V.A., la cui condonabilità è incompatibile con il diritto comunitario), la domanda di rimborso  – riguardante la definizione automatica della posizione fiscale relativa agli anni  1990, 1991, e 1992 a favore dei soggetti colpiti dal sisma del 13 e 16 dicembre 1990 che ha interessato le province di Catania, Ragusa e Siracusa – può essere proposta soltanto dal soggetto passivo in senso sostanziale, unico legittimato, e non anche dal sostituto d’imposta, come avallato dal legislatore con n. 123 del 2017, trattandosi di sanatoria volta a indennizzare i soggetti coinvolti in eventi calamitosi (Cass., sez. 5, 28 febbraio 2020, n. 5498; Cass., n. 15252 del 2016). Deve, dunque, affermarsi che il lavoratore, c

 

 

link alla sentenza

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi